Digitalizzazione. Le prossime sfide per le cantine.

Dopo il registro telematico e la fatturazione elettronica, l'obiettivo carta-zero per il mondo vitivinicolo sembra sempre più vicino. Facciamo il punto con Tre Bicchieri, il settimanale economico del Gambero Rosso.

Correva l'anno 2017 quando, a seguito del decreto “Campolibero”, veniva introdotto l'obbligo della dematerializzazione. Un termine quasi ostico, che segnava l'introduzione del registro digitale e l'obbligo per le cantine di inserire tutte le fasi di produzione sul sistema telematico Sian. Oggi sono circa16mila aziende vitivinicole a trasmettere i dati telematicamente, grazie a questo lavoro, ogni due settimane l'Icqrf è in grado di scattare una fotografia puntuale della “Cantina Italia”. Prova superata, quindi. Almeno fin qua. Ma quali sono adesso le prossime sfide digitali che attendono il mondo vitivinicolo?

Continua a leggere l'intervista